pezzo della settimana: Empress of/Kitty Kat

sharon jones and the dap kings ovvero ho trovato una supersista

Posted: luglio 14th, 2012 | Author: | Filed under: clueless, live review | Tags: , , , , , , , | 3 Comments »

Ieri 13/07/12 al festival supersantos, che quest’anno ha soppiantato l’ennesima festa delli mortacci loro romana, c’era sharon jones.
La black sister che si nasconde dentro di me, e manco tanto bene a volte, non ha resistito e nonostante sonno e calura, mi ci ha trascinata con la forza. Intanto piacevole assai è stato scoprire un pubblico super vario, tutte le età, gli abbigliamenti, gli stili che per una indie snob come me, che va a concerti dove, anche se non lo diresti mai a voce alta, stai una mezz’oretta per decidere quale, quale maglietta è proprio quella giusta per quel live, quella che solo pochi possono riconoscere, e che quindi ti permetta di essere più indie di tutti [:-O], è davvero una cosa apprezzabile.
La band dei dap kings è la tipica band soul, anche se manca un piano per i miei gusti, e sono bravi e precisi. Anche loro in effetti ad una prima occhiata sembrano provenire da ambienti musicali differenti [primo premio simpatia al percusionista pelato, che ci avresti giurato fosse il commercialista della band], che però si mescolano bene, simpatici al punto giusto e attenti a non rubare la scena alla vera star.
E che star.
Dopo una piccola presentazione della band, un paio di pezzi di warm up e un pezzo dedicato alle due coriste [che potete vedere nella galleria sotto] che purtroppo per tutto il concerto erano seminascoste dagli altri musicisti, causa palco un po’ male organizzato per il numero di musicisti che ospitava, ecco che arriva lei, sharon, classe 1956, una piccoletta con le trecce, che non fa nemmeno in tempo a mettere piede sul palco che già balla e canta come un’indemoniata.
Una nota di basso, un colpo di tom la attiva istantaneamente come una bambolina voodoo bucata da uno spillo.
Meraviglia.
Penso sia esattamente tutto quello che debba essere un’artista soul: sboccata, diretta, ammicante, incazzata, comunicativa e vera.
La storia di lui che tratta la sua compagna di merda è la sua storia, la storia delle nuove scarpe appena comprate con le quali devi assolutamente uscire a fare un giro e mostrarti, è la sua storia, la storia delle danze di antenati della madre africa e poi dopo con la schiavitù in america e poi ora dopo secoli di storia è la sua danza: si toglie le scarpe, e ce la mostra e ce la racconta, ricordandoci pure da dove vengono un sacco di ispirazioni hip hop, senza nemmeno dovercele indicare.
puro soul, puro spirito.
Se qualcun* di voi era lì e ha visto una riccia con gli occhiali in prima fila con un sorriso da ebete dalla prima all’ultima nota, beh quella ero io.
grazie sharon, super sista, ogni tanto fa bene al cuore ricordarsi che non dobbiamo conoscerci per regalarci cose buone.
later
p.s. Il mio solito pippone con notizie, racconti e info ve lo risparmio, vi rimando ad un wiki link.
Vi dico solo che sharon diventa famosa poco tempo fa, nonostante ci avesse provato a lungo, è l’incontro con i dap kings [la cui etichetta daptone records una funk indie label, dove potete comprare 45s a go go, è stata fondata rispettivamente dal bassista e dal sassofonista della band che si esibisce con Sharon] che le dà la possibilità di svoltare e arrivare al successo.
p.s.2 alcune foto mostrano personaggi alquanto strani, per lo stile del palco: sono persone del pubblico, un ragazzo e poi una ragazza che Sharon ha invitato ad un certo punto a salire sul palco e ballare con lei. Non so se sia stato culo, occhio o un grande pubblico, ma entrambi sono stati divertentissimi!


3 Comments on “sharon jones and the dap kings ovvero ho trovato una supersista”

  1. 1 catlux said at 5:02 pm on luglio 14th, 2012:

    confermo il sorriso fisso di dona subito sotto gli occhiali!(dato che li vicino c’era anche il mio uguale) Sharon bellissima e le tue foto donasonica raccontano bene! thanks for sharing…

  2. 2 kokeshi said at 9:29 am on luglio 15th, 2012:

    Avevo intuito fin troppo bene che mi sarei persa qualcosa di fuori dall’ordinario ma accidenti! il tuo modo di descrivere le emozioni mi ha fatto “rosicare” ancora di più…

  3. 3 donasonica said at 12:13 am on luglio 16th, 2012:

    LOL


Leave a Reply

  •